Crea sito

L’uocchie sicche so’ peggio d’e scuppettate. Maksimovic infortunato. All’interno la lista dal 2007

A quanti di voi sarà capitato di avere una giornata sfortunata, oppure di non dire o non far sapere una cosa a nessuno per il timore di esser “secciati”? Ammettetelo. Anche i più razionali e i più riluttanti alle superstizioni prima o poi ci cascano. A Napoli, ma in generale un po’ ovunque in Campania, esiste un detto molto forte ma eloquente: “L’uocchie sicche so’ peggio d”e scuppettate“, che letteralmente significa “il malocchio è peggio dei colpi di fucili”.
Esiste una lunga lista di calciatori, volendoci soffermare esclusivamente su quelli che hanno rifiutato la maglia azzurra, che sicuramente crederanno di esser perseguitati, almeno inizialmente, da questo detto.


Rolando Bianchi dopo un’incredibile campionato con la Reggina, reduce dalla vicenda Calciopoli  (- 11 punti di penalizzazione) guidato da Walter Mazzarri, sigla 18 reti in 37partite. La sua miglior stagione. Nella successiva la Reggina lo cede al Napoli, ma lui rifiuta il contratto e da quel giorno scompare dal grande calcio. Nel 2012 si offre come vice Cavani a bassissimo costo pur di spezzare quella maledizione ma il Napoli rifiuta la proposta.

Gaetano D’Agostino centrocampista dell’Udinese nel 2010 è all’apice della sua carriera sportiva ed è in cerca del così detto salto di qualità, il club partenopeo trova l’accordo con i Pozzo e il calciatore, nelle ultime ore però si vocifera di un interessamento del Barcellona e ancor di più della Juventus, il calciatore fa marcia indietro e annulla gli accordi presi con ADL sicuro di un approdo a Torino. Da quell’estate le sue squadre sono state: Fidelis Andria, Siena, Lupa Roma e Benevento.

 

Fabio Quagliarella ha una storia simile ma all’inverso, campano e tifoso del Napoli riesce sotto la guida di Walter Mazzarri a conquistare un meritato posto in Europa League. Da Masaniello capo-popolo a QuagliaMerda traditore che in un pomeriggio d’estate prima dell’importantissimo match preliminare lascia la squadra per firmare con l’odiata Juventus dell’ancor più odiato Antonio Conte. A pochi giorni del suo ritorno al San Paolo, rigorosamente da avversario, subisce un brutto infortunio che lo terrà lontano dai campi per l’intera stagione.

Giuseppe Rossi vicinissimo ad approdare in maglia azzurra, sceglie al photofinish l’estero una prima volta e Parma la seconda volta. In questi lunghi anni ha accumulato piu’ giorni in infermeria che sui campi da gioco.

 

Domenico Criscito napoletano di nascita sceglie i Rubli Russi $$$ al San Paolo, dal 2011 ad oggi ha racimolato solo 80 presenze con lo Zenit San Pietroburgo, cacciato dalla Nazionale e perseguitato dalla guardia di Finanza durante lo scandalo scommesse.

Nilmar Honorato da Silva dopo un’estenuante trattativa rifiuta Napoli. Nei due anni successivi retrocede con il suo Villareal e subisce due gravissimi infortunio che ancora oggi lo perseguitano. Nessuno lo richiede in Europa ed è così costretto a trasferirsi in Qatar fino al rientro triste in patria.

Federico Balzaretti nel giro dalla Nazioanle è alla ricerca di un grande club, il Napoli lo richiede al Palermo di Zamparini che trova l’accordo con Aurelio De Laurentiis, il calciatore rifiuta Napoli perchè non è sicura la città, preferisce firmare per la Roma. Dopo il primo anno subisce un bruttissimo infortunio che lo costringerà ad appendere gli scarpini al chiodo, carriera finita.

 

Nikola Maksimovic è solo l’ultimo colpito dall’uocchie sicche, dopo un lungo corteggiamento durato tre mesi il calciatore resta granata, dopo le prime due partite di campionato il suo piede si rompe, previsto un lungo stop.

 

 

 

tifiamo napoli tie

 

 

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.
CasaNapoli24 nasce per chi, come noi, non solo sente l'esigenza di essere informato 24 ore al giorno, ma desidera anche scrivere, commentare ed essere PROTAGONISTA